Skip to content

La cena quasi perfetta.

maggio 21, 2011

Venerdì sera scorso dopo una giornata di lavoro trascinata all’ora di timbratura con grandissima difficoltà, sono stato a cena con il mio carissimo amico G. (che ringrazio ancora)in un ristorante di pesce all’apparenza tranquillo ed elegante nel senso moderno del termine : veneziana per pavimento, minimalista nell’arredamento con qualche tocco di antiquariato quà e là; niente di nuovo ma piacevolmente accogliente probabilmente il giardino estivo ne amplifica la bellezza.Tutto bene , lo chef proprietario ci accoglie come nella migliore tradizione ma ho la sensazione di stargli sulle balle forse anche perchè vengo presentato come un ex collega,  al che sdrammatizzo l’intervento,  fatto solo per rompere il ghiaccio, dicendo la solita battuta che oramai sono più gli anni passati in negozio che dietro ai fornelli e questo fa di me un ex al cubo.

Sciolina a memoria il menù del quale ricordi solo l’ultima parola “..istacchi del piemonte”.Cazzo,  vai piano che mi tocca farti ripetere la tiritera!Niente da fare  ,ripete girandosi intorno e toccandosi i numerosi anelli alle dita conditi da piercing alle ciglia, (MAH!!!! )non ricapiamo e diciamo quello che voleva sentirsi dire :”fai tu”.Scegliamo il vino e ci rilassiamo nell’attesa delle portate.Pesce crudo a volontà buono per la maggior parte ma stranamente,  eccessivamente speziato quasi a voler nascondere qualcosa.Ovviamente lo facciamo notare in maniera elegante, e che ti fa Lui?Si spazientisce e invece di prenderne atto (il cliente ha sempre ragione o la regola vale solo nel mio fottutissimo negozio????) si arrocca in giustificazioni tristi dettate da un ego spropositato.Da questo momento non gli perdoniamo più nulla.Non vi sto a dire quante sciocchezze ha confezionato nel giro di poche pietanze;dettagli che se evitati e che  se avesse un pò di analisi di sè lo renderebbero davvero un buon cuoco.

La morale è che se credi di essere bravo e non accetti la critica sana quasi disinteressata e dico quasi perchè sono io che mangio,  sei già arrivato al capolinea e non avrai più nulla da dire.

Quanto a noi ci siamo innaffiati gola e polmoni di alcol e fumo , lacrime agli occhi dal ridere che se non fosse stato per l’arroganza del cuoco , a cui avremmo potuto persino perdonare eccessi di sicurezza , avremmo avuto la cena perfetta.

Ma l’imperfetto ci piace, il quasi ci rende irrangiungibili, il non si sa mai son categorie dello spirito che spingono oltre la conoscenza di sè.Chissà mai se il cuoco in questione farà visita a questi spazi aperti di creatività.Glielo auguro,  intanto ha perso due clienti.

“All’io sono”non si arriva per scorciatoie.Notte.

Annunci
11 commenti leave one →
  1. maria barberio permalink
    maggio 21, 2011 10:25 pm

    la cena perfetta rischia di essere dimenticata, una andata non proprio benissimo non si dimentica tanto facilmente. E le risate quelle sono sempre il condimento perfetto per tutto. Un buon fine settimana

  2. maggio 21, 2011 10:38 pm

    Le portate non erano di tuo gradimento per tutta la “cacca” che hai dovuto ingoiare durante la giornata.
    Il tuo palato era “inquinato” prova a ritornarci, magari accompagnato da una prosperosa trentenne, e vedrai che quello che mangerai sarà uguale a quello che hai mangiato…… se non è cambiato lo chef.

    • maggio 22, 2011 12:02 pm

      puoi avere anche miss mondo davanti ma se quello che ingoi non piace , credimi l’effetto al palato non cambia altimenti il cibo di mia moglie sarebbe il migliore del mondo!

      • maggio 22, 2011 4:04 pm

        se sei con una diversa da tua moglie e hai un dopo cena interessante…… non sentirai il gusto di quello che hai mangiato…. dalla fretta di arrivare al dopo.
        e comunque rileggiti bene il mio intervento, ti davo ragione tananai.

  3. madscape permalink
    maggio 22, 2011 9:28 am

    l arroganza e l ignoranza mischiati a un ego spropositato mi sembra essere la ricetta del “piatto dello chef” di quel posto.se poi hai speso il giusto per quello che hai mangiato amen…altrimenti fammi sapere che posto e’ così nn ci vado.
    le migliori cene con amici trascorse a ridere parlare le ho consumate in pizzeria o in trattorie tipiche e rustiche.
    le cene di pesce le utilizzo x clienti, amanti o x farmi perdonare qualcosa dalle donne.
    e’ infatti pietanza leggera x lo stomaco che nn influisce sulla prestazione post ristorante.
    diversamente i osi de mascio o el baccalà mi tolgono stimoli…..
    cmq come cuoco eri bravo!

    • maggio 22, 2011 12:04 pm

      Ti farò sapere , quanto alle cene spacca addominali dal ridere me ne ricordo tante in tua compagnia.Ciao bello

  4. maggio 22, 2011 6:15 pm

    cazzo pirata , hai ragione

    • maggio 22, 2011 6:30 pm

      non dargli ragione, poi rompe i coglioni allo spasimo convinto di avere la verità……. quasi come se fosse……… come quello la che vive in brianza…. un certo signor Sporcaccioni, cosi mi pare, non sono sicuro finiva comunque con oni……Spendaccioni, A no (tutto attaccato) si chiamava Tersilio, no aspetta idilio, neanche comunque finiva con ……… non mi ricordo scusamo, ma non mi ricordo…… comunque non dargli ragione, cosi per principio, per partito preso……… buona serata!!!

  5. george permalink
    maggio 23, 2011 11:09 am

    Ormai tutti sono scrittori, tutti sono showman, tutti sono artisti.
    Oggi puoi leggerti un libro come “cotto&mangiato” , ristrutturare la cantina del papà, metterci una cucina Arclinea, farti fare una bella insegna e menu dall’ amica grafica e dire a tutti son cuoco venite nel mio ristorante.

    Relativismo e libertismo dovrebbero cedere il passo alla protesta civile.

    Te e il tuo amico dovevate indignarvi e rispondere con moderata ironia al cuoco orgoglioso e arido.

    O forse, è solo questione d’ intelligienza?
    Vivi e lascia vivere!

    • maggio 23, 2011 12:05 pm

      Si dovrebbe spiegare che la libertà paradossalmente ha le sue regole, magari si leggesse un pò tutti Kant e la critica del giudizio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: