Skip to content

Dare e avere

marzo 13, 2012

Ci sono servitori e servi. I primi hanno il senso del dovere e servire è una missione e in ballo c’è la propria dignità , il proprio onore; nel secondo caso si eseguono gli ordini al fine di avere un tornaconto strettamente personale o di una stretta cerchia di amici e tutti i mezzi specie se illegali vanno bene, per i primi sarebbe impossibile, la legge li guida!
I servitori muoiono per portare fino in fondo il loro dovere, i servi non si mettono mai in gioco pubblicamente , loro tramano per sotto, fanno patti con criminali e la zona grigia di cui parlava Falcone , diventa la zona Nera.
Ironicamente i servitori vengono spazzati via dalla memoria e molti pure dalla vita terrena, i servi invece la fanno franca, in Italia, sempre!!mai un giorno di galera, mai una multa da pagare, mai un’equitalia qualunque che si faccia viva. Ma se un magistrato facendo il proprio dovere sbaglia qualcosa come umanamente può capitare ecco la gogna mediatica dei servi dei servi.
Muoiono e non gliene frega a nessuno, cerimoniali vuoti , silenzi pesanti come pietre . Questo apparato di potere mi fa schifo, questa italietta mi fa schifo.
Sarò sempre dalla parte di Borsellino, di Falcone, di Ambrosoli..
Per quanto riguarda Dell’Utri, Riina, Schiavone… Queste merde non si possono dire italiani e nemmeno la codazza di politici leccaculo al seguito che giustificano sempre tutto.
Sono in lutto , la democrazia è morta.
Notte

Annunci
8 commenti leave one →
  1. marzo 13, 2012 10:23 am

    c’era un bel libricino in giro, si intitolava “saggio sull’arte di strisciare”, purtroppo non ricordo l’autore (era un barone tedesco a Versailles), ma credo ti piacerebbe….

    ovviamente condivido al cento per cento le tue parole: in Italia si premiano sempre quelli più viscidi, quelli che strisciano senza dignità né rispetto delle regole per puro tornaconto personale. invece, coloro che svolgono il proprio lavoro per senso del dovere e per il bene comune sono sempre dileggiati ed offesi.
    è la più grande tragedia italiana.
    non è neanche questione di meritocrazia, è proprio questione di rispetto e di senso di giustizia.

  2. Pisopisello permalink
    marzo 13, 2012 11:48 am

    Che palle con questa democrazia, meglio una sana dittatura almeno sai cosa ti aspetta e nessuno ti promette niente, solo sane e sacrosante bastonate.

  3. madscape permalink
    marzo 13, 2012 12:47 pm

    d’accordo su tutto. ricordo solo che nella categoria servi ci sono anche i leccaculo yesman. pullulano in qualunque posto di lavoro.
    e sono persone spesso incapaci e imboscate che pero’ per la simpatia del datore di lavoro coprono anche ruoli importanti( e ben pagati).

    • marzo 13, 2012 11:07 pm

      Secondo me c’è aria di amnistia in agguato per tutti i politici, cambiare tutto affinché tutto resti uguale!

  4. marzo 13, 2012 11:28 pm

    ragazzo tu mi preoccupi, stare dalla parte di Falcone, Borsellino e compagnia bella vuol dire stare dalla parte di chi ci lascia la pelle, quindi modera i toni e vedi di darti una calmata, e se proprio devi attaccare qualcuno fallo con chi è meno forte di te, quindi prenditela con te stesso, come quando eri ragazzo: chi fa da se fa per tre!!! meglio solo che mal accompagnato.!!!!! pipe non parole……..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: