Skip to content

Matrimoni

marzo 15, 2012

Ore 9.15 di un Sabato qualunque di Marzo, il cartellino con specificato nome del commesso e reparto è attaccato al taschino alto a sx della giacca blu d’ordinanza, sono pronto, entro nella parte, da lontano cinque sagome si avvicinano, quattro donne e un ragazzo, non mi posso sbagliare, li “sgamo” subito, è un futuro SPOSO IN CERCA DELL’ABITO PER IL MATRIMONIO!!…NOOOOOOOOO..
(Voi non potete capire, questi individui cercano nell’abito più emozioni, più perfezione rispetto a ciò che cercano in colei che vanno a sposarsi).
Li affronto con sorriso di circostanza e il primo obbiettivo è capire chi tra loro è il capo branco, insomma , la persona da convincere: sono quattro sorelle che accompagnano il fratello più giovane all’altare. Una, la più carina,è la tipica quarantenne acida single che è un bel po’ che non vede.. Beh, ci siamo capiti; lei è il capo, poi c’è quella sposata con figli molto gentile; un’altra sorella è di qualche anno più grande dello sposo ed è tranquillissima e poi c’è la più anziana , quella che crede di sapere, ovvero la SARTA!!!… Dimenticavo , c’è ovviamente lo sposo, il pirla, l’ultimo della nidiata, viziato come pochi, inerme e ubbidiente ai comandi delle quattro dell’oca selvaggia.
Sono disperato ma qualcuno lo deve pur fare questo sporco lavoro. Decido di prendere il toro per le corna, esordisco col mio proverbiale buongiorno a tutto denti, e faccio subito due o tre battute per sondare il terreno e capire con che margini di rilassatezza si può condurre la vendita: ridono! Benissimo, si parte, sono fatti , li posso domare, addirittura la più acida mi fa l’occhiolino, è già innamorata di me ed io , che non sono scemo, esibisco l’anulare sinistro dove troneggia la fede così per delimitare il campo e tirarmela come quando avevo diciotto anni. Lei lo capisce, e siccome è ACIDA al cubo , si sente rifiutata e fa diventare un’allegra scampagnata nel mondo della moda in un girone dell’inferno! Puntualizza su tutto e a dargli man forte ci pensa la Sora Sarta : “e gli tira di qui, e gli fa il difetto la, è troppo stretta ,è troppo larga”..e VAFFANCUUUULOOOOO!!!! maledetta bisbetica arpia spacca-maroni…
Come avrei voluto dirglielo..!
Insomma, dopo quattro ore di chiacchiere , liti tra loro, sbuffaggini varie, sono riuscito a dargli il vestito.
Mi sentivo come uno stitico che evacua dopo giorni , come un politico che dice la verità(?) , come quando la Juve batte l’inter… Finalmente LIBERO!!
Ps: hey, zitellona..si si dico a te.. Ho vinto IO!!ma che cazzo vi sposate a fare??
Vabbè, notte , .. Si cara , arrivo, si ho fatto la lavatrice…Ecco appunto!!

Annunci
27 commenti leave one →
  1. marzo 15, 2012 9:43 pm

    e tu oensa a lui, che con quattro sorelle, ha comunque deciso di sposarsi. Only the brave…

  2. marzo 15, 2012 10:19 pm

    L’umanita’ non ha mai imparato dai suoi errori

  3. marzo 15, 2012 11:14 pm

    QUATTRO ORE??
    praticamente un turno intero di lavoro??
    certo che ci vuol coraggio per andare con 4 donne… soprattutto così pesanti!
    credo che “questi individui cercano nell’abito più emozioni, più perfezione rispetto a ciò che cercano in colei che vanno a sposarsi” possa esser traslato tranquillamente sulle donne,

    • marzo 16, 2012 12:04 am

      Non dirlo al sonnambulo, ma un attimo prima l’abito era stato chiesto a me, ma ho risposto cosi: un abito da sposo? mi spiace non posso, sono obiettore di coscienza.
      Nel repertorio delle frasi che dico ai futuri sposi, quando mi chiedono il costo dell’abito rispondo “meno dell’avvocato per la separazione”.
      IO sono contro al matrimonio, ma vorrei capire perchè l’ho gia fatto tre volte…..e sempre con un abito diverso!!!

    • marzo 16, 2012 5:58 am

      4 ore infinite e per lo più di Sabato , giorno campale per le vendite. Forse ho battuto un record di durata.

      Inviato da iPhone

      • marzo 16, 2012 6:34 am

        di sabato?? la gente è matta. io per provare un vestito cui ci tengo, eviterei proprio il sabato.

      • marzo 16, 2012 6:35 am

        soprattutto sapendo che giornata campale è per il commesso che, evidentemente, non può seguirmi come merito perché deve tenere costantemente un occhio sul resto del negozio

  4. marzo 16, 2012 6:53 am

    Infatti, piuttosto mi prendo un giorno di permesso e mi faccio coccolare e scegliere con calma, certo che se ci si porta la SARTA anche la vendita più semplice diventa un calvario.

    • marzo 16, 2012 7:31 am

      Aveva ragione il buon Toni quando diceva che quella donna “sarta dan’cazzo all’artro”.

  5. marzo 16, 2012 9:05 pm

    giusto un anno fa, circa avevo scritto qualcosa sulla nostra giornata lavorativa, ti ripropongo il post:
    http://blog.libero.it/ilcamagna/10098353.html
    passa il tempo ma la gente è la stessa.

    • marzo 16, 2012 11:36 pm

      L’ho letto, ma tu che servi tutta sta gente…

      • marzo 17, 2012 3:31 am

        è un fatto strano lo so, ma ogni tanto accade, raramente ma accade e coincide quando “trombo”, state attenti perchè se mi faccio l’amante rimanete disoccupati.

  6. marzo 17, 2012 6:48 pm

    “Decido di prendere il toro per le corna”
    E’ la frase che più mi ha sorpreso! Ma come – mi sono chiesto – ancora deve sposarsi ed ha già le corna?

  7. marzo 18, 2012 7:27 pm

    non so se mi fa più pena lui che si deve sposare e comprare il vestito con le sorelle o tu che hai dovuto sopportarli tutti….
    per fortuna che la cosa si è risolta, altrimenti sai che scazzo colossale!

    comunque, non dirmi che sei anche juventino, grandissimo!!
    @ maurizio: stimo un sacco le risposte che dai hai clienti per il matrimonio!

    • marzo 18, 2012 10:15 pm

      Juventino da sempre e per sempre comunque vada!! 🙂

      • marzo 18, 2012 10:28 pm

        sino a natale era uno juventino felice, nel girone di ritorno è diventato uno juventino triste.
        Ieri sera ha sorriso per cinque volte e si è commosso, la juve ha fatto i gol delle prossime tre partite “tutte in una notte”…….tutti hanno il loro momento di Gloria, la mia però si chiamava Franca.

      • marzo 18, 2012 10:53 pm

        smettiamola di parlare di juventus, milan e chiunque faccia del buon calcio e riserviamo un minuto di silenzio a quella squadraccia che si nasconde dietro i morti, l’inter, oggi ha raggiunto il suo ex presidente.
        Un ovazione per un grande Milito, che anche oggi ha tirato uno splendido rigore!!

  8. marzo 19, 2012 11:20 am

    come far degenerare un post…

    • marzo 19, 2012 12:11 pm

      e perchè degenera? in fondo ci sono tutti gli ingredienti giusti: calcio gnocca e, hai ragione manca il vino, questo è proprio un post alla deriva……

      • marzo 19, 2012 6:45 pm

        Il vino manca sempre, anche quando c’è , cioè non è abbastanza ..

      • marzo 20, 2012 9:45 am

        ci vorrebbero anche due fette di sopressa….

      • marzo 20, 2012 1:21 pm

        io porto il pan biscotto!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: